Asti: Attività del Centro Studi Alfieriani.

Asti: Attività del Centro Studi Alfieriani.

Asti: Attività del Centro Studi Alfieriani.

   Dopo l’ottimo riscontro ottenuto dalle celebrazioni alfieriane del mese scorso, la Fondazione Centro di Studi Alfieriani ci ha comunicato il calendario delle Attività  Culturali in programma nel mese di febbraio.

   1) – Il primo appuntamento sarà mercoledì 13 febbraio alle ore 17 presso la Sala Pastrone, con la proiezione dell’Oreste di Vittorio Alfieri nella messa in scena del 1958 con la regia televisiva di Silverio Blasi e la regia teatrale di Vittorio Gassman. In scena, lo stesso Gassman accanto a Giulio Bosetti, Edmonda Aldini, Mario Feliciani, Elena Zareschi. Un appuntamento da non perdere per assistere alla proiezione di uno dei preziosi video delle TECHE RAI.                                               L’ingresso è libero.

  2) – Sabato 16 febbraio, sempre alle 17, si svolgerà presso la Biblioteca Alfieriana in Palazzo Alfieri il primo incontro del ciclo “Incontri in casa di Alfieri”, con protagonista il professor Pier Franco Quaglieni per il suo saggio “Grand’Italia” (edizioni Golem). Interverranno il giornalista Carlo Cerrato e Carla Forno. Ingresso libero.

   3) – Domenica 17 febbraio, è in programma il secondo appuntamento con la Mostra mercato delle pubblicazioni alfieriane. Una rara occasione per lasciarsi sorprendere da testi dal fascino unico e per scoprire da vicino le opere di Vittorio Alfieri. Anche in questo caso l’appuntamento si svolgerà, dalle 11 alle 18 a ingresso libero, presso la Biblioteca di Palazzo Alfieri.

Ricordiamo infine che, per rimanere aggiornati su tutte le attività della Fondazione, si può far riferimento alla pagina Facebook sulla quale si possono trovare anche curiosità e informazioni sui prossimi eventi.

Asti: l’illusionista Luca Bono riparte dal Teatro Alfieri.

Asti: l’illusionista Luca Bono riparte dal Teatro Alfieri.

RIPARTE DA ASTI IL TOUR DE L’ILLUSIONISTA,

IL ONE MAN SHOW DI LUCA BONO DIRETTO DA ARTURO BRACHETTI.

Da febbraio riprende la tournée

del giovanissimo talento italiano della magia internazionale 

Dopo il grande successo riscosso dello scorso anno, riparte il tour de “L’Illusionista”, lo show del giovane talento della magia Luca Bono diretto da Arturo Brachetti applaudito già da oltre 11.000 spettatori. Da febbraio lo show è in cartellone ad Asti, Alessandria, Verbania, Mestre, Bologna, Gradisca d’Isonzo, Trento e Vicenza. Sabato 10 febbraio al Teatro Alfieri di Asti il giovanissimo Luca Bono, ripercorre con sincerità e passione il proprio percorso umano e professionale, tra grandi illusioni, close up, manipolazione e coinvolgimento del pubblico: una formula originale e inedita per i palcoscenici teatrali che stupisce, emoziona, diverte e cattura gli spettatori di tutte le età. 

Luca Bono in una foto di Paolo Ranzani.

   Il giovane talento della magia Luca Bono domenica 10 febbraio alle 17.00 torna ad Asti al Teatro Alfieri dove si era esibito nel cast di “Brachetti che sorpresa!” nel 2015. Questa volta sul palco sarà protagonista del suo primo One Man Show “L’Illusionista”, diretto da Arturo Brachetti. Dimenticate il classico mago con cilindro, bacchetta e frac, perché Luca Bono è sì uno straordinario illusionista, ma soprattutto un ragazzo normale in grado di fare cose eccezionali. All’apertura del sipario le arti magiche trasformeranno la sua apparente normalità in una grande dimostrazione di talento con stile personale ed accattivante. In scena assisteremo ad un percorso spettacolare e tecnologico tra illusioni di grande effetto scenico ed emotivo, manipolazione di oggetti e close up. Ma non si tratta di uno show di sole illusioni, bensì di un lavoro teatrale autobiografico con un messaggio forte: mai smettere di inseguire i propri sogni, allenamento, determinazione, motivazione possono fare superare gli ostacoli e far realizzare anche i desideri più impensabili. Luca Bono, oggi appena ventiseienne, già Campione Italiano di Magia all’età di soli 17 anni e successivamente laureato a Parigi con il Mandrake d’Or, riconosciuto come l’Oscar della magia, è univocamente considerato il talento magico più interessante della sua generazione, interprete del nuovo illusionismo, coinvolgente e contemporaneo. Al suo attivo 450 date in Canada, Francia, Belgio, Svizzera e Italia in due anni di tournée con oltre 400.000 spettatori e 13 puntate di VUUAALÀ! CHE MAGIA!,  in onda nella scorsa stagione televisiva su Boing e recentemente ospite su Rai Uno a Lo Zecchino d’Oro. Lo scorso anno le anteprime natalizie dello spettacolo hanno registrato a Torino 23 sold out consecutivi e oltre 6500 presenze con notevoli consensi di pubblico e critica con notevoli consensi di pubblico e critica anche nelle successive repliche di Roma, Milano, Trento, Bologna, Udine e Biella. Sono dunque oltre 11.000 gli spettatori che hanno già assistito a questo spettacolo che continua a sorprendere e incantare. 

Luca Bono in una foto di Paolo Ranzani.

   L’Illusionista propone la grande magia rivisitata da un giovane artista, ex corridore di go kart che a seguito di un incidente, e incuriosito dal fratello maggiore Davide, si avvicina al mondo magico scoprendo un universo artistico e culturale impensato. Quasi inconsapevolmente, in pochissimi anni, Luca Bono passa così dal sottoscala del circolo magico torinese alle grandi platee internazionali. In scena, dunque andranno non solo l’Artista, ma anche il ragazzo, con tutte le sue debolezze, le sue paure e la sua proverbiale riservatezza in grado di sciogliersi davanti al pubblico con la stessa disinvoltura con cui l’insospettabile Clark Kent sapeva, in una frazione di secondo, trasformarsi in Superman; all’apertura del sipario le arti magiche trasformeranno la sua normalità in una grande dimostrazione di talento e in un caleidoscopio di sorprendenti effetti conditi con lo stile personale ed accattivante proprio di Luca Bono. In scena anche Sabrina Iannece, artista ed assistente che da cinque anni lavora al fianco di Luca Bono e che in questo spettacolo è co-protagonista. L’Illusionista è uno spettacolo unico che emozionerà gli adulti e allo stesso tempo coinvolgerà e divertirà i più giovani, che potranno così lasciarsi trasportare in un mondo di pura illusione, in cui sarà davvero difficile distinguere i confini tra realtà e apparenza. La regia de L’Illusionista è di Arturo Brachetti, il maestro internazionale del quickchange, che di Luca è direttore artistico. In alcuni momenti lo spettacolo si avvale di filmati e proiezioni su grandi schermi (gestiti in collaborazione con Acuson) attraverso i quali il pubblico, anche più lontano, potrà rendersi conto che davvero “non c’è trucco e non c’è inganno” e che il close up e la prestidigitazione, sono tecniche di pura maestria e non consentono di celare trucchi. La produzione è curata da Muvix Europa, realtà di produzione artistica capace di coniugare l’illusionismo con le più diverse discipline dello spettacolo, per realizzare soluzioni su misura.

Biglietti 25 euro, ridotto 18 euro abbonati Teatro Alfieri, ridotto 15 euro membri Club Magico Asti,UTEA, possessori Kor Card e tessera a pagamento della Biblioteca Astense. Info e prenotazioni: Tel. 0141/399057 – 0141/399040  (biglietteria teatro, apertura al pubblico dal martedì al giovedì dalle ore 10,30-16,30 e nei giorni di spettacolo con orario 10.30-16,30; 19.00-21.00. Domenica 10 febbraio la biglietteria aprirà alle ore 15).

All’Alfieri di Asti: Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia con “Non mi hai più detto ti amo”

All’Alfieri di Asti: Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia con “Non mi hai più detto ti amo”

Martedì 5 febbraio,ore 21, al Teatro Alfieri di Asti: Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia saranno protagonisti di

“ Non mi hai più detto ti amo ”

scritto e diretto da Gabriele Pignotta. Con  loro sul palco Raffaella Camarda, Francesco Maria Conti e Fabrizio Corucci.

Dopo vent’anni Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia, la coppia straordinaria del musical Grease, torna insieme per una commedia ironica, cucita addosso a due protagonisti istrionici e straordinariamente affiatati. La famiglia è ancora il cardine della società e il nostro punto di riferimento assoluto? Come si stanno evolvendo le famiglie alla luce delle trasformazioni sociali, politiche ed economiche in atto? E’ questo il tema attualissimo sul quale nasce e si sviluppa questa sorprendente commedia, che narra la storia di una famiglia italiana contemporanea, costretta ad affrontare  un  cambiamento traumatico improvviso e che, alla fine di un percorso difficile ed intenso, si ritroverà completamente trasformata e più solida. 

Lorella Cuccarini con Giampiero Ingrassia: in una foto di Claudio Porcarelli.

Lorella Cuccarini è Serena, donna che trova la forza di mettersi in discussione. In seguito ad un imprevedibile, ma forse “salvifico” incidente di percorso infatti, questa super-mamma e moglie perfetta, che porta sulle sue spalle tutta l’organizzazione e la responsabilità della famiglia, capisce che forse questo ruolo non è più funzionale alla sua felicità e con grande coraggio, decide di recuperare se stessa e il suo essere donna rimettendo completamente in gioco l’equilibrio su cui poggia l’intera famiglia.

Suo marito Giulio (Giampiero Ingrassia) inizialmente destabilizzato da questo repentino cambiamento, troverà la forza di reagire, riscoprendo finalmente il suo ruolo di padre e di “genitore” per troppo tempo delegato passivamente alla moglie. Anche i due figli Tiziana e Matteo andranno incontro ad una crisi profonda esattamente come i loro genitori, ma quando tutto sembra portare verso la più amara delle disgregazioni familiari, ognuno riuscirà a trovare delle risorse interiori inaspettate che porteranno la famiglia a ricomporsi con un avvincente finale a sorpresa.

Le musiche sono di Giovanni Caccamo, le scene di Alessandro Chiti, i costumi di Silvia Frattolillo e le luci di Umile Vainieri.

Biglietti 35 euro platea e barcacce, 30 euro palchi, 20 euro loggione. Per informazioni e prenotazioni: 0141.399057-399040, biglietteria Teatro Alfieri, aperta dal martedì al giovedì con orario continuato 10,30-16,30.

Maurizio Micheli: “Un uomo solo in fila…” al Teatro Alfieri di Asti.

Maurizio Micheli: “Un uomo solo in fila…” al Teatro Alfieri di Asti.

Maurizio Micheli:

“Un uomo solo in fila…” al Teatro Alfieri di Asti.

   Mercoledì 30 gennaio alle 21 al Teatro Alfieri di Asti arriva Maurizio Micheli con il nuovo spettacolo “Uomo solo in fila – I pensieri di Pasquale”, da lui scritto e interpretato, accompagnato da Gianluca Sambataro al pianoforte. Regia Luca Sandri, spazio scenico Fabio Cherstich, produzione Teatro Franco Parenti.

Dopo l’inesauribile successo di “Mi Voleva Strehler”, Maurizio Micheli, con la sua ineguagliabile sofisticata ironia, porta in scena un nuovo personaggio che è vittima consapevole del senso e non-senso della vita. Un uomo solo è in coda in un anonimo ufficio di Equitalia affianco di altri esseri umani, che come lui, aspettano di conoscere il loro destino. È una coda invisibile, che non si sa perché e quando è cominciata, né quando finirà: forse mai. Protagonista è l’attesa, quella dell’assurdo quotidiano in cui trovano spazio pensieri, speranze, inquietudine, pazzie, canzoni e illusioni.

Dopo frasi di circostanza scambiate con sconosciuti personaggi immaginari, l’eterna attesa costringe Pasquale a mettersi in fila con se stesso. Che sia per conoscere il proprio destino o soltanto per pagare una bolletta, ognuno attende qualcosa. Ma solo il confronto con il proprio vissuto, con i propri pensieri può svelare il senso profondo della vita. Lo spettacolo fa parte della sezione “Soli in scena” della stagione del Teatro Alfieri, realizzata in collaborazione con Piemonte dal Vivo.

Biglietti 20 euro (loggione 15). Per informazioni e prenotazioni: 0141.399057-399040, biglietteria Teatro Alfieri, aperta dal martedì al giovedì con orario continuato 10,30-16,30, e il giorno dello spettacolo anche dalle 19 alle 21.

“Opera Buffa! Il Flauto Magico e cento altre bagatelle” al Teatro Alfieri di Asti.

“Opera Buffa! Il Flauto Magico e cento altre bagatelle” al Teatro Alfieri di Asti.

“Opera Buffa! Il Flauto Magico e cento altre bagatelle”

al Teatro Alfieri di Asti.

Grande attesa per “Opera Buffa! Il Flauto Magico e cento altre bagatelle”, lo spettacolo che Elio, celebre voce della band Elio e le Storie Tese, e il soprano Scilla Cristiano porteranno al Teatro Alfieri di Asti sabato 26 gennaio alle 21Con loro sul palco Gabriele Bellu al violino, Luigi Puxeddu al violoncello e Andrea Dindo al pianoforte. L’evento, organizzato in collaborazione con il Circolo Filarmonico Astigiano, fa parte della stagione musicale del Teatro Alfieri.

Elio,in una foto di Nuri Rashid

Lo spettacolo è una carrellata nel repertorio più conosciuto dell’opera buffa per soprano e baritono che tocca il repertorio di capolavori quali “Il Flauto Magico” e “Don Giovanni” di Mozart, “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, fino ai “Racconti di Hoffmann” di Offenbach. Uno straordinario Elio, nella doppia veste di narratore e cantante, dà vita nella prima parte dello spettacolo ad una rielaborazione-rilettura del libro “Il Flauto Magico” di Vivian Lamarque intrecciata a parti del libretto d’opera originale, dando voce ai differenti personaggi e interpretando anche vocalmente la celebre aria e i duetti del buffo uccellatore Papageno. Testi e musica si alternano e si integrano nelle pregevoli esecuzioni del trio, di Elio stesso e del soprano Scilla Cristiano, interprete dei tre principali ruoli femminili.

Scilla Cristiano soprano, in una foto di Lucio Salvati.

La seconda parte vede i due protagonisti canori alternarsi in un recital lirico incentrato sull’esecuzione di alcune delle più note arie del repertorio per soprano e baritono: dall’ aria del catalogo dongiovannesco “Madamina il catalogo è questo” del fido Leporello a “Batti batti bel Masetto” della giovane contadinella Zerlina, passando poi alle due celeberrime Cavatine di Figaro e Rosina de “Il Barbiere di Siviglia”, e alle due brillanti “Chanson du bébé” di Rossini e “Les oiseaux dans la charmille”, nota come aria della bambola, da “I racconti di Hoffman” di Offenbach. Diplomato al conservatorio Verdi di Milano, Elio ha cantato per più di trent’anni con il complesso Elio e le Storie Tese, raccogliendo premi e successi. Artista eclettico, conta, tra l’altro, partecipazioni a opere teatrali come “L’opera da tre soldi” di Bertolt Brecht e “Storia di Amore e di Anarchia” di Lina Wertmüller, ed ha all’attivo numerose collaborazioni di prestigio, anche a livello internazionale. Scilla Cristiano ha avuto diversi riconoscimenti in concorsi lirici internazionali. Ha lavorato con grandi registi del panorama lirico internazionale come Giancarlo Del Monaco, Lorenzo Arruga, Stefano Vizioli, Pierfrancesco Maestrini, Renato Bonajuto, Filippo Crivelli, Francesco Esposito e Alessio Pizzech, e si è esibita nei più importanti teatri d’Italia e d’Europa.

Biglietti 25 euro (20 euro loggione), info e prenotazioni 0141.399057-399040 dal martedì al giovedì dalle 10,30 alle 16,30 e sabato a partire dalle 15.

Al Teatro Alfieri di Asti il “Donchisci@tte”.

Al Teatro Alfieri di Asti il “Donchisci@tte”.

Al Teatro Alfieri di Asti il “Donchisci@tte”.

La fortunata stagione di prosa del Teatro Alfieri di Asti continua martedì 22 gennaio alle 21 con “Donchisci@tte”, liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes, con protagonisti Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi, uno spettacolo di Nunzio Caponio con adattamento e regia di Davide Iodice.

 Una scrittura originale che prende ispirazione dallo spirito dell’opera di Cervantes, scagliando una volta di più la simbologia di questo mito contro la nostra contemporaneità. Con vesti sgangheratamente complottiste e una spiritualità naif, accompagnato da un Sancio che è insieme figlio e disorientato adepto, il nostro Don intraprende un corpo a corpo disperante e “comico” contro un mondo sempre più virtuale, spinto a trovare l’origine del male nel sistema che lo detiene.

Dall’improbabile rifugio in cui si è rintanato, lotta per mantenere intatto il suo pensiero critico. Le menti malefiche dei giganti delle multinazionali sono il nemico contro cui scagliarsi, l’amore è ancora il vento che soffia e muove, anche se Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire dolorosamente per un banale blackout…

Biglietti 20 euro (15 euro loggione). Per informazioni e prenotazioni:

0141.399057-399040 dal martedì al giovedì orario continuato 10,30-16,30.