A.S.L. AT: NOVITA’ SUL SERVIZIO A TEMPO ZERO.

A.S.L. AT: NOVITA’ SUL SERVIZIO A TEMPO ZERO.

 A.S.L. AT: NOTIZIA INFORMATIVA SUL SERVIZIO A TEMPO ZERO.

 Visite specialistiche: dal 1° luglio l’Asl AT sperimenterà l’attivazione delle agende di prenotazione in Neurologia ed Urologia 

L’Asl AT avvia una sperimentazione per  riorganizzare le modalità di accesso alle prime visite specialistiche ambulatoriali: dal 1° luglio prossimo, infatti, intende rivedere l’attuale modalità di “accesso a tempo zero” con l’obiettivo di migliorare il servizio all’utenza e garantire equità di accesso ai cittadini, anche allineandosi ad alcune importanti novità definite a livello nazionale e regionale. “In particolare – spiega il commissario Asl AT, Giovanni Messori Ioli – una forte spinta in questa direzione arriva dalla volontà di assicurare una sempre maggiore appropriatezza prescrittiva in collaborazione con i medici di famiglia e garantire così all’utenza le dovute priorità in funzione dell’effettiva urgenza, nonché dall’opportunità di adeguarsi al nuovo sistema di Governo dei tempi di attesa”. Il tempo zero così come ha funzionato sino ad oggi, infatti, non avendo agende di prenotazione resterebbe al di fuori dall’accessibilità delle prenotazioni programmate.

L’attivazione delle agende di prenotazione garantirebbe, quindi, il pieno rispetto delle classi di priorità assegnate dai medici di medicina generale (MMG), garantendo loro uno strumento d governo efficace  e l’accesso a tutti i pazienti nei tempi previsti. La nuova formula sarà sperimentata inizialmente per le prime visite di Neurologia ed Urologia. “L’accesso a tempo zero – continua Messori Ioli – è stata un’innovazione importante per Asti, una modalità di erogazione delle prestazioni molto apprezzata e che ha dato risultati importanti, ma che, a distanza di dieci anni, necessita di essere innovata per stare al passo con i tempi. Un’attenta analisi delle criticità ci ha portato, tuttavia, a valutare positivamente questa nuova modalità, anche in considerazione del lavoro svolto negli ultimi anni sui tempi di attesa: l’Asl AT riesce infatti a garantire il rispetto degli standard regionali per quasi tutte le prestazioni specialistiche.  E’ un passo avanti che ci viene richiesto anche a livello nazionale e regionale e che offrirà le dovute garanzie ai casi urgenti, riducendo le diseguaglianze di accesso.

Questa nuova formula eviterà che i cittadini, spesse volte anziani, debbano raggiungere l’ospedale di Asti in orari non consoni per vedersi assicurata la visita di cui necessitano o, ancor peggio, che pur presentandosi molto presto agli sportelli, non riescano ad ottenere la prestazione desiderata a causa di un alto numero di utenti, dovendo tornare nei giorni successivi. L’impegno che l’Azienda assume è quello di effettuare un continuo monitoraggio con analisi dei percorsi di accesso dell’utenza ai servizi erogati in maniera tale da poter mantenere i livelli sin qui raggiunti ed intervenire tempestivamente con i correttivi necessari in un’ottica di miglioramento continuo”.  Raccolti i primi esiti di questa riorganizzazione e superata dunque la fase di sperimentazione, con le stesse modalità potranno essere assicurate le prime visite di tutte le altre specialità ancora a tempo zero: Chirurgia maxillo facciale, Cardiologia, Dermatologia, Gastroenterologia, Oculistica, Ortopedia ed Otorinolaringoiatria.

La sinergia tra Azienda e medici di famiglia avrà un ruolo fondamentale: assegnare i corretti codici di priorità e garantire un’elasticità organizzativa sufficiente a soddisfare pienamente le esigenze dell’utenza saranno infatti obiettivi prioritari. Le classi di priorità: classe U (urgente): prestazione non rimandabile e urgente, che deve essere garantita entro 72 ore;  classe B (breve): prestazione da assicurarsi entro i 10 giorni; classe D (differibile): le prestazioni sono differibili (comunque entro i 30 giorni per le prime visite, entro i 60 giorni per le prestazioni diagnostiche);  classe P (programmabile): prestazione programmabile, non urgente: in questa classe sono incluse le prestazioni programmate di approfondimento, controllo, follow-up

Asti, 8 giugno 2019  – Maria Grazia Bigliotto

Asti: le agevolazioni del Comune per i Centri Estivi 2019

Asti: le agevolazioni del Comune per i Centri Estivi 2019

 ASTI: CENTRI ESTIVI 2019, LE AGEVOLAZIONI SOCIALI DEL COMUNE

Il tempo libero dei ragazzi sarà fra poche settimane l’assillo prevalente nella programmazione quotidiana delle famiglie. In città diverse agenzie educative rivolgono proposte varie e articolate per  rispondere adeguatamente  allo  svago e alla curiosità dei ragazzi. Intanto,  per attivare Centri di vacanza  occorre, secondo le indicazioni regionali, la  DGR 20 aprile 2018, n. 11-6760 presentare Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) allo Sportello Unico per le Attività Produttive http://trasparenza.comune.asti.it/archivio5_modulistica_0_19483.html

Il Comune di Asti non gestendo direttamente attività di centro estivo,  supporta  però i servizi che si attiveranno sul territorio prevedendo una serie di azioni, quali la concessione di locali scolastici e servizi di trasporto, anche rivolti a ragazzi con disabilità motoria. A loro potranno essere garantite ore di assistenza avvalendosi del personale di supporto alla disabilità, da parte della cooperativa che espleta il servizio su incarico del Comune di Asti assicurando, ove possibile, continuità educativa. Tariffe agevolate riguarderanno l’ingresso in piscina concordandone l’utilizzo con l’attuale gestore e con Asp acquistando titoli di viaggio cumulativi, valevoli per un massimo di 30 persone. A breve sarà disponibile un opuscolo dedicato ai centri estivi per un’ampia ed esaustiva informazione alle famiglie curato da un settimanale locale.

Soddisfazione viene espressa dall’assessore Elisa Pietragalla “Crediamo di contribuire a realizzare una pluralità di offerte, garantendo  servizi e  agevolazioni, per trascorrere ore e giornate liete, di aiuto alle famiglie e di sicuro interesse per bambini e bambine”. Il Sindaco Maurizio Rasero ha aggiunto: “Questi centri da sempre offrono ai più giovani la possibilità di valorizzare e vivere al meglio il tempo libero dei mesi estivi. Infatti, attraverso attività educative, ricreative e sportive possono soddisfare il loro bisogno di aggregazione e comunicazione anche scoprendo nuovi amici, nuovi interessi e nuove attività”.

Asti, 29 maggio 2019  

Asti: Politiche Giovanili al tavolo con nuove energie.

Asti: Politiche Giovanili al tavolo con nuove energie.

Asti: Politiche Giovanili al tavolo con nuove energie.

Asti, 22 maggio 2019 – Al fine di far incontrare e ricevere proposte dalle principali espressioni del mondo giovanile locale si è riunito il tavolo di lavoro appositamente convocato all’Informagiovani di via Goltieri.Una trentina i presenti,  per conto  di  Ludolab,  Circolo cinematografico Vertigo,  Cub o events, Agesci,  Scuola del Fumetto, delle associazioni Al.Fa, Cosplay, Craft, Arcoscenico, della Casa del Popolo, della Pastorale giovanile diocesana e dell’Oratorio Don Bosco, della Consulta provinciale degli Studenti, di Casa Buneo eventi, del Teatro degli Acerbi e del Centro servizi del volontariato,  di Confcommercio. Si è avvertita l’esigenza di incontrarsi e conoscersi, con un intenso scambio di informazioni su quel che ognuno già realizza nell’ambito della animazione socio culturale in vari luoghi della città.

“Dopo questo primo incontro – commenta l’assessore Elisa Pietragalla – sono certa del contributo e dell’opportunità che ci è offerta, di individuare e realizzare iniziative che promuovano sempre di più  protagonismo ed energia costruttiva da parte delle realtà giovanili presenti nella comunità astigiana”. Obiettivi principali del neonato tavolo: valorizzare gli eventi ed i progetti che ciascuna realtà sta portando avanti, facendoli comunicare e lavorando a stretto contatto con l’Informagiovani del Comune di Asti.

Tra i partecipanti anche una rappresentanza di giovani del Servizio civile nazionale, la  Garante per l’ infanzia e l’adolescenza del Comune Saveria Ciprotti e  Paola Caldera dell’Ufficio politiche giovanili della Provincia di Asti. Alla riunione ha fatto anche capolino il primo cittadino Rasero che nel ringraziare i partecipanti ha espresso soddisfazione per iniziative come questa che offrono ai giovani opportunità formative e di socializzazione, dando spazio alle loro capacità artistiche e creative.

ASL AT – 3 MAGGIO 2019: “GIORNATA MONDIALE DELL’IGIENE MANI”.

ASL AT – 3 MAGGIO 2019: “GIORNATA MONDIALE DELL’IGIENE MANI”.

3 MAGGIO 2019: “GIORNATA MONDIALE DELL’IGIENE MANI”.

Venerdì  3 Maggio:”Giornata mondiale dell’igiene delle mani 2019” e l’ASL AT aderisce all’iniziativa patrocinata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’iniziativa dell’OMS vuole richiamare l’attenzione sull’importanza di questa semplice procedura  non solo nella prevenzione della diffusione delle malattie infettive, ma anche nella lotta all’allarmante fenomeno dell’antibioticoresistenza. Secondo i dati dell’European Centre for Disease Prevention and Control, infatti, in Europa, oltre 4 milioni di pazienti (7% dei ricoveri ospedalieri) contraggono ogni anno un’infezione correlata all’assistenza.  Circa il 20-30% di tali infezioni sono considerate prevenibili da programmi di igiene e di controllo intensivo.

Proprio a tal proposito, durante la mattinata del 3 Maggio, presso l’ingresso del Presidio Ospedaliero “Cardinal Massaia” di Asti, sarà allestito un punto informativo presso il quale componenti del Gruppo Operativo del Comitato Infezioni Ospedaliere sensibilizzeranno utenti e operatori sulla corretta igiene delle mani con soluzione idroalcolica secondo lo schema raccomandato dall’OMS. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di creare e rafforzare un’alleanza strategica  tra operatori e cittadini nel mettere in atto un’efficace pratica preventiva, raccomandata da oltre 150 anni, ma ad oggi ancora non entrata nelle normali abitudini degli italiani.

Asti: un aiuto alle cure palliative dall’Associazione “Con Te”.

Asti: un aiuto alle cure palliative dall’Associazione “Con Te”.

ASTI: UN AIUTO ALLE CURE PALLIATIVE.

L’ASSOCIAZIONE “CON TE” DONA UNA FIAT PANDA ALL’ASL AT.

 Chiavi in mano e pronta consegna al Cardinal Massaia grazie all’Associazione “Con Te” che nel pomeriggio di IERI 11 aprile ha messo a disposizione una Fiat Panda alla struttura Semplice di Cure Palliative. Il veicolo sarà adibito al trasporto del personale dell’equipe sanitaria, dall’ospedale all’Hospice o direttamente a casa del paziente, ogniqualvolta se ne ravveda la necessità. “Un rapporto solido e continuativo quello della ASL di Asti con l’Associazione “Con Te””, così Giovanni Messori Ioli, Commissario ASL AT “che si snoda tra passato, presente e futuro. Non è questa la prima importante iniziativa che ci vede destinatari dei progetti dell’Associazione: già nel finire dello scorso anno, infatti, sono stati donati all”hospice di Nizza Monferrato sei letti elettrici. Non mi resta che ringraziare profondamente per l’impegno profuso e per le risorse investite in progetti per noi essenziali. Pomeriggi come questo confermano sempre più quanto tutto diventi possibile se condotto in ambito della rete di solidarietà.”

Nel pomeriggio è stata, inoltre, preannunciata la prossima iniziativa destinata all’ASL AT che l’efficientissima associazione ha già messo in opera: “Ciò che ci rende più soddisfatti è vedere realizzati i nostri progetti anche a garanzia di tutti coloro che generosamente donano risorse alla nostra associazione. E. a testimonianza che non ci fermiamo mai, vi informo che stiamo procedendo alla raccolta fondi che destineremo all’acquisto di un ecografo portatile necessario alle cure domiciliari per i pazienti non più trasportabili.” Afferma Fares Cerrina, Presidente di “Con Te”.  Insomma, “Con Te” è sempre ‘con noi’ per venire incontro ai bisogni dei pazienti.

Diabete: curare e prevenire si può facendo Rete!

Diabete: curare e prevenire si può facendo Rete!

Polo Universitario Piazzale De Andrè ASTI

DIABETE CURARE E PREVENIRE SI PUO’:

un lavoro da fare in RETE per migliorare

 la qualità delle cure e della vita delle Persone con diabete.

 

Si terrà ad Asti presso Polo Universitario di Piazzale De André sabato 30 marzo 2019 un’intensa giornata di studi dedicata alla prevenzione e alla cura del diabete nonché alle strategie e alle risorse utili a migliorare la qualità  della vita delle Persone con diabete. Organizzata  dalla Commissione Progetto Salute del Distretto 2032 guidata da Giuseppe Rinaldo Firpo e nello specifico dalla Sottocommissione Progetto Diabete, della quale è Delegato il dr. Luigi Gentile, la giornata di studio sarà articolata in due sessioni: la prima,  dalle 9.30 alle 11, avrà per tema ‘La sfida del diabete’, con interventi  di Flavia Prodram in merito alla  ‘Dimensione epidemiologica e la sua prevenzione’; Davide Maggi su ‘Le complicanze e la loro prevenzione’; Fabio Broglio su ‘Appropriatezza ed innovazione terapeutica nel diabete tipo 2: una risorsa per migliorare la qualità delle cure e della vita delle Persone con diabete’. La prima sessione sarà moderata da  Carlo Gandolfo e Luigi Gentile.

Il dott. Luigi Gentile

 Seguirà alle ore 11, dopo un momento di discussione, la seconda sessione del convegno dal titolo  ‘La gestione dell’Ordinaria Complessità’, nel corso della quale Giuseppe D’Annunzio parlerà di ‘Gestione e trattamento del Diabete tipo 1’ e Gabriele Vallerino interverrà sul tema ‘Gestione e trattamento del diabete gestazionale’. Moderatori: Luigi Cataldi e Maggiorino Barbero. Al termine degli interventi, intorno alle ore 12, è prevista la  Tavola Rotonda dal titolo ‘Diabete curare e prevenire si può: un lavoro da fare in team’ con la partecipazione delle  Associazioni Pazienti rappresentati da Ezio Labaguer e Pierluigi Traversa, dei Medici di Medicina Generale con Giuseppe Noberasco e Claudio Nuti, di Giorgetta Alvigini e Pietro Paolo Mongiardini in rappresentanza dei  Farmacisti, degli Endocrinologi-Diabetologi Alberto Aglialoro e Luigi Gentile, mentre Monica Cugno interverrà sul tema ‘ Innovation DDM Project, un esemplare Collaborazione in RETE tra Università, Istituzioni ed Associazionismo’.

 I lavori chiuderanno alle 13.30 con un Goodbye Lunch

 Il convegno è organizzato in collaborazione con  FAND, Coordinamento delle Associazioni Persone con diabete delle Regioni Liguria e Piemonte e S.O.S. Diabete di Asti.

L’entrata è libera per tutti gli interessati.